Antica nenia in siciliano

I nostri nonni cantavano  le strofe di questa antica nenia accompagnandosi con gli strumenti di cui disponevano: tamburello con le ciancianeddi, mandolino e altri. Nel periodo natalizio, un coro  ha riproposto il canto che ho ascoltato con vera gioia e commozione il primo di questo anno, durante la messa celebrata nella chiesa di San Pellegrino a Ribera, piccola città della mia infanzia. 

1- Sutta un pedi di nucidda

c’è ‘na naca picciridda

ci si curca lu Bamminu

San Giseppi e san Iachinu.

Rit. Susiti pasturi nun dormiri chiù

lu vidi ch’è natu lu Bamminu Gesù.

2- Sutta un pedi di lumia

c’è ‘na fimmina chi fusia

e fusia lu nfasciaturi

pi nfasciari lu Signuri.

Rit. Susiti pasturi  nun dormiri chiù

lu vidi ch’è natu lu Bamminu Gesù.

3-Sutta un pedi di cirasa

San Giseppi fa la casa

fa la casa pi lu Signuri

senza petri  ma cu l’amuri.

Rit. Susiti pasturi nun dormiri chiù

lu vidi ch’è natu lu Bamminu Gesù.

4- E nasciu lu Bammineddu

senza un filu di capiddu

quarchi filu chi n’avia

comu l’oru stralucia.

Rit. Susiti pasturi nun dormiri chiù

lu vidi ch’è natu lu Bamminu Gesù.