Anno nuovo

Anno nuovo vita nuova”... uno slogan che si ripeteva e si sente ancora il giorno di capodanno, forse per augurare a noi e agli altri tempi e vita migliori.

Rileggo un testo biblico, l’Ecclesiaste, che recita così: “ciò che fu è tutto quello stesso che sarà, ciò che avvenne è quello che avverrà , perciò  niente è  nuovo sotto il sole“. Mi chiedo quale anno possa desiderare. Un anno che non sia nuovo ma giusto per tutte le stagioni della vita mi potrebbe andar bene o meglio un anno anziano ricco di salute e di bellezza interiore? Decido per un anno anziano come desiderano (forse) tanti della mia età.

Un detto antico mi torna alla memoria, quando ancora adolescente sentivo affermare “munnu ha statu e munnu è”, che vuol dire il mondo va come va, sempre allo stesso modo, con la gioia e il dolore, con le ingiustizie e le cattiverie, con la ricchezza e la povertà… per non dire altro.

Un anno che comincia ci porta a desiderare, a fare progetti, a prenotare viaggi e crociere per poter vivere momenti intensi di conoscenza e di arricchimento, come se tutto dipendesse da noi, dalle nostre scelte. Non è sempre così, i progetti non si avverano, le difficoltà si presentano, ma noi con la volontà e la voglia di vivere ci muoviamo sulla stessa linea e continuiamo a vivere la vita senza arrenderci. In questo consiste la nostra forza e così  troviamo la nostra salvezza.

L’anno che se ne va

Tanti anni della nostra vita passano e vanno via lasciando in noi tracce di gioia e di dolore, ricordi di momenti felici e di situazioni difficili da vivere e da risolvere.

Se penso ai 2018 anni trascorsi dall’inizio dell’era cristiana, un senso di stupore mi assale e quasi mi spaventa, considerando la realtà di questo nostro tempo martoriato e colpito in ogni senso dalla malvagità e dalla corruzione dilagante, dalla distruzione del creato con conseguenti alluvioni, terremoti e altro. Mala tempora currunt affermava Catone il censore  e se pensiamo alla nostra repubblica, il nostro tempo non è buono per nessuno di noi.

L’anno che sta arrivando ci porterà qualcosa di buono? Lo speriamo, ma come sempre accade, non siamo profeti, non abbiamo la sfera di cristallo, ma nel nostro animo conserviamo la speranza, ultima dea, che ci aiuta a vivere e a pensare in positivo. Buon inizio di anno miei cari lettori.