Una festa per la Madonna

In molte città della nostra isola, a scadenza annuale, ritornano le cosiddette feste che celebrano la Vergine Maria. A ferragosto, nella città di Sciacca, una festa grandiosa  viene dedicata alla Madonna del Soccorso, venerata nella basilica cattedrale. Grandi folle arrivano dalla città e dai paesi vicini, vengono celebrate messe e viene portato in processione dai marinai scalzi il simulacro della Vergine. Celebrazione antica e commovente per chi ha la fortuna di vederla dal vivo.

A Ribera, piccola città della mia infanzia, nei giorni 7-8-9 settembre si festeggia Maria Bambina con diverse celebrazioni religiose e con una fiera ricca di tutto e situata nella via Marconi, una delle  tre arterie principali di quella città. Negli anni della mia infanzia la fiera era un avvenimento unico, atteso  e desiderato da noi ragazzi e dagli adulti. Veniva preparata la salsiccia e la “cubata”, una sorta di torrone casalingo a base di mandorle tostate, miele e zucchero. I venditori proponevano anche le mandorle glassate e il gelato di campagna, coloratissimo e dolcissimo.

A Castelvetrano- Selinunte, città ricca di storia e di tradizioni.  la terza domenica di settembre, viene festeggiata la Madonna della Tagliata, ritrovata dai tagliatori  di pietra in una giara. Nel piccolo santuario che somiglia ad una chiesa campestre, è venerata l’immagine della Vergine con celebrazioni che durano 5 giorni. La fiera dura solo  3 giorni ed è  ricca di baracche che propongono giocattoli, utensili. oggetti in legno e in ceramica tunisina, tappeti, vestiario per tutte le età e altro.

Le fiere, che si tengono in occasione delle feste dedicate alla Madonna erano un avvenimento  unico fino agli anni ’60, ma ai giorni nostri i mercatini settimanali e i supermarket insieme alle vendite online, hanno sostituito  la fiera collegata alla festa religiosa. Rimane il senso religioso, vivo nell’animo di tante persone che partecipano alle celebrazioni, compiono  il pellegrinaggio  camminando  anche a piedi nudi per il lungo viale che porta al santuario. Fede popolare o folklore? direi di si, ma  ben vengano queste feste se fanno parte delle nostre tradizioni e ci riportano agli anni della nostra infanzia.

Pubblicato da

Nella Cusumano

Amo scrivere poesie e racconti, a parte le ricette antiche della cucina siciliana che amo in particolare perché sono sempre vissuta qui e nata per caso nel Friuli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...