L’estate se ne va

Come ogni anno

l’estate se ne va

e i vacanzieri tornano

alla solita vita

“al lavoro usato”

come leggiamo

nel testo leopardiano.

La quiete celebrata

dal poeta ci porta

a ripercorrere

lo stesso cammino

proprio del tempo

e della storia di ciascuno

con il senso del provvisorio

della fuga degli anni

e della vanità del tutto.

Il mare nostro rimane

increspato e limpido

nonostante l’arrivo

dei disperati vittime

della speculazione

e della nuova barbarie.

Spettatori incapaci

parliamo di noi

delle nostre ansie

generate da paura

e incertezza

del domani

mentre il ricco epulone

banchetta con i mille ladroni

che ci governano.

Che un nuovo umanesimo

dispieghi tutte le forze buone

di questo mondo

perché vengano trovate

soluzioni e rimedi adeguati .

Nella Cusumano Lombardo

Annunci

Pubblicato da

Nella Cusumano

Amo scrivere poesie e racconti, a parte le ricette antiche della cucina siciliana che amo in particolare perché sono sempre vissuta qui e nata per caso nel Friuli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...